Miss Biker Parthenope

Anche qui ho preferito creare un piccolo spazio relativo alla moto inserendo giusto qualche foto gallery ed esprimere con un po di testo, quella che è la mia sensazione ed emozione legata alla moto.

Sicuramente sarò molto più fluente ed attiva sul mio canale motovlog su youtube al quale vi chiedo di iscrivervi e se vi piace e vi fa piacere seguirmi, attivate la campanella in modo da non perdervi i nuovi video che caricherò. 🙂

La prima sensazione da “guidatore” è la gestione del peso unito all’equilibrio, due volte son caduta da ferma per questo motivo…

secondo: imparare a regolare il polso sull’acceleratore per evitare brusche conseguenze…

terzo: sulla moto si usa l’80% il freno anteriore e il 20% il posteriore, anche di questo si ha bisogno di un’attenta gestione e confidenza, quello che so da beginner è di non toccare mai i freni su brecciolino o in curva, col tempo poi si imparerà ad approfittare del freno posteriore in curva che servirà ad accompagnare il posteriore…

quarto: la gestione del cambio, le marce posizionate sul pedale a sx ti manda in corto i nervi quando lo usi all’inizio, mi sembra di dover gestire tante …troppe cose quando sei alla guida: “sto per avvicinarmi ad un auto, ok devo scalare marcia col piede sx, ma devo tirare la frizione con la mano sx, ma devo prima frenare un po con la mano dx, ma devo guardare anche negli specchietti per vedere se l auto che tengo anche indietro rispetta la dovuta distanza di sicurezza, altrimenti dovrò trovare in avanti uno spazio nel quale infilarmi per non andare a sbattere…..”.

Ma per fortuna con la pratica e un po di dimestichezza, come per tutte le cose, diventa tutto naturale e così anche la mia guida diventa fluida il divertimento comincia a venire fuori, sentire l’ebbrezza di un’accelerazione, con il vento che ti ostacola ci metti un attimo a capire la posizione che ti conviene assumere: attacchi il busto al serbatoio e scivoli con il sedere all’indietro sulla sella e ti accorgi che incontri meno attrito e di conseguenza riesci ad andare più veloce, il cupolino è fatto apposta per la testa, che con il casco pesa decisamente tanto in più, ti protegge dall’ondata di vento, impari ad ascoltare il rombo della moto e vedere la lancetta del tachimetro sui 10.000 giri, ti fa sentire un tutt’uno con la moto, che dire poi quando assecondi le curve e cerchi di prendere la traiettoria nel modo giusto. Una figata pazzesca!

Cos’altro dire … mettete il casco e salite in sella!!!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...