Il Rione Terra

E’ considerato il quartiere urbano che ha maggiormente vissuto diversi insediamenti da parte di Greci e Romani, è una rocca di tufo posta a circa 30 metri dal livello del mare e posizionata strategicamente tra Nisida e Baia si affaccia imponente sul Golfo di Pozzuoli.

Tante storie vengono narrate su questo posto ma se ci vogliamo affidare a cosa raccontano le mura è che dal 400 d.C il Rione Terra è stato stratificato sulle mura romane quello che oggi sono costruzioni del centro urbano. Infatti sotto il Rione Terra è possibile effettuare un percorso archeologico guidato che vi condurrà nella storia ai tempi dei Romani, quando Puteoli ha vissuto il suo maggior splendore.

Il declino giunse con la caduta dell’ Impero Romano e venne edificato il Duomo di Pozzuoli durante la dominazione spagnola sul tempio di Augusto che conteneva un tempio di età repubblicana risalente al 194 a.C. ristrutturato da Silla nel 78 a.C.

Negli anni sessanta il Rione Terra era considerato il fulcro vivente della città fino a quando dieci anni dopo, la rocca fu evacuata ed abbandonata per gli insidiosi effetti del bradisismo di cui è affetta questa zona. Negli anni novanta vengono effettuati i primi lavori di ripristino per rimettere a nuovo e dare modo a questa città di riportare alla luce la sua storia millenaria e della ricchezza inestimabile che possiede avendo nelle fondamenta questi tesori archeologici.

Ho avuto modo di perlustrare le acque che circondano questa rocca, qualche mese fa, curiosa come sempre, di mettere maschera e pinne per avere un punto di vista subacqueo. Risulta sempre molto mistico e affascinante vedere dal basso verso l’alto, l’ imponenza di questi luoghi.