Relitto Doris

Resto sempre affascinata dai relitti, sin dal mio primo tuffo nel 2013 sul Thistlegorm, perché una cosa è certa, l’immersione sui relitti o ti piace o non ti piace, a tanti incute ansia, oppressione, paura in pochi invece riescono a catturare il fascino, il mistero, l’imponenza e soprattutto il racconto di una vicenda storica come in questo caso…

Nell’Ottobre del 1964, qualche giorno dopo il varo, una nave cargo di circa 110 metri  soprannominata ” Olandese Volante” diretta in America, che trasporta merci e tessuti, ormeggia nel bacino d’acqua nei pressi del molo S. Vincenzo, un vento scirocco con conseguente mareggiata fa scarrocciare il relitto fino a farlo infrangere nei frangiflutti.
Il personale di bordo riuscì a salvarsi prima del affondamento e nei giorni a seguire tappeti incominciavano a galleggiare lungo le coste nel centro di Napoli.

Era da tanto che sentivo parlare di questo sito presente nel Golfo di Napoli, ma non ho mai avuto modo di andarci.
La subacquea è un’attività sportiva meravigliosa, un percorso molto formativo che se lo pratichi con umiltà e senza pregiudizi, ti permette con il tempo di conoscere persone e siti sommersi che ti arricchiscono sia come subacqueo sia come persona.

In compagnia del centro Eurosub di Portici, Ciro Dell’anno mi accompagnerà su questo sito. Si parte con uno dei sui gommoni con mare calmo e una bellissima giornata soleggiata, il Vesuvio ci osserva ed è meraviglioso constatare la sua incredibile vicinanza, è forte la sensazione di effettuare le immersioni alle falde del nostro Vulcano dormiente…

Con nuovi amici a bordo, finalmente si arriva sul sito, dopo l’ormeggio Ciro parte con il briefing la visibilità sembra buona, perché di solito su questo sito c è abbondanza di fitoplancton che non rende visibile il sito facilmente.

Come solito mi preparo tra i primi e vado in acqua, ci siamo, mi raggiunge anche Ciro, discendo lungo la cima e d’improvviso resto sorpresa: vedo subito l’albero di poppa in posizione orizzontale con una rete abbandonata che l’avvolge intorno e a sua volta contornata dal blu mare che mi fa emozionare.

Effettuo qualche pinneggiata per trovare un inquadratura che mi soddisfi o semplicemente per far affievolire un po di quell’emozione, scatto la foto all’albero poi mi giro verso sinistra e mi trovo di fronte la maestosità del relitto.

Mi sento piccola, ogni sguardo su quelle lamiere mi trasmette qualcosa, un’ esperienza bellissima, la visione strutturale di questa nave si riconosce a vista d’ occhio che è posizionata sul fianco sinistro su un fondale sabbioso molto fine quasi fangoso, infatti bisogna tenere bene l assetto per evitare polveroni mistici…

Il relitto è grande, ha tre alberi uno quasi completamente inghiottito dalla sabbia effettuo 130 scatti, ma non mi sono bastati dovrò tornarci.

                 

Siamo oramai quasi sulla prora pinneggiamo sul lato destro della nave e Ciro mi porta sulla scritta di questo fantastico relitto, si legge palesemente Doris, non posso fare a meno di toccare e spolverare alcune di queste lettere anche se il mare in questo periodo ha già fatto il suo, Ciro mi racconta che durante la loro ultima incursione sul sito avevano già avuto modo di leggere parti della scritta ma che ora lo scenario è cambiato, la scritta si legge completamente e col passare del tempo il relitto risulta diverso, il mare continua con le tipiche mareggiate su quel tratto di costa che cambiano l’aspetto del relitto riducendolo sempre più deforme, ma alcune parti sono intatte, la parte prodiera, la chiglia, il vano motori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il relitto si trova ad una profondità di 24 metri e 16 metri in media, è abbastanza facile, con possibilità di effettuare immersioni anche per corsi di specialità.

_20I_pontile

Sul sito sono presenti scorfanotti adagiati sul relitto, dei grossi cerianti, banchi di castagnole, spirografi e tanti soggetti macro, ho potuto avvistare nudibranchi genere flabellina affinis, catena peregrina su idrozoii di cui si cibano.

 

 

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...