Pulizia fondali Aprile 2017

Sabato 8 Aprile 2017 si è svolta un operazione congiunta di pulizia fondali a Sorrento in provincia di Napoli, sulla spiaggia più rinomata della costiera sorrentina: Marina Grande.
L’ associazione di Vico Equense con i propri soci è sempre attivamente presente riguardo questa tematica ed opera in stretta collaborazione con l’ Area Marina Protetta Punta Campanella che spesso organizza eventi di monitoraggio ambientale Marino.


Anche l’Assessorato all’ Ambiente del Comune di Sorrento tiene a cuore le spiagge e la costa sorrentina adoperando i propri mezzi, collabora ed organizza con:

  • la Guardia di finanza, che ha messo a disposizione i sommozzatori Antonino Maresca e Venditti Michele per le operazioni di pulizia fondali sull’ area più profonda con i palloni di sollevamento, per recuperare gli oggetti più pesanti ed ingombranti;
  • la società Penisola Verde che si è occupata di smaltire i rifiuti che sono stati trovati;
  • l’Area Marina Protetta Punta Campanella ha inviato sul posto a supervisionare le fasi della pulizia, Carmela Guidone;
  • l’ associazione Mare Vivo ha collaborato con alcuni subacquei;
  • il Centro Subacqueo S. Erasmo – Sommozzatori Protezione Civile, che ha messo a disposizione l’apneista Gaetano Gallo per operare nel fondale basso con Pasquale Di Lorenzo e Mario Zaccaro;
  • l’associazione Jacques Cousteau ha messo a disposizione due fotografi subacquei, Antonella Savarese e la sottoscritta, l’operatore di videoriprese subacqueo Ciro Luciano, per piccoli e grandi materiali, Nadia Fiorentino, Giuseppe Andreano, Nicola Merlino, Nelson Gaudiano.

 

Nei primi 2,5 metri d’acqua abbiamo trovato tante reti da pesca, abbandonate sotto la banchina, dove solitamente attraccano le barche, essendoci dei pontili abbiamo trovato un mare di plastica sul fondale, bottiglie di vetro, scarpe, questo dato dall’ inciviltà delle persone che vengono in villeggiatura a mare ma non si curano di amarlo e proteggerlo ma lo sfruttano solo secondo i propri comodi, meravigliandosi poi un giorno, del perché i nostri mari diventino zone con divieto di balneazione.

Colpevoli anche i pescatori che abusano troppo della pesca, abbiamo trovato nasse con tante granseole intrappolate che ho opportunamente liberato nonostante abbiano assunto la classica posizione di difesa /attacco.

Comincio a recuperare la plastica con la sola mano libera a disposizione e staziono per un po’ sotto alla barchetta che ci dà appoggio per il materiale che raccogliamo, vedo i miei amici che continuano a tirare su tanti rifiuti. Che scempio considerando che siano passati solo 8 mesi dall’ultima volta che abbiamo operato in questa zona.

Dopo aver trascorso un’abbondante ora in acqua cominciamo ad uscire fuori, incuriositi di vedere tutti i rifiuti che abbiamo accumulato, circa 4 tonnellate, soddisfatti di aver contribuito, nel nostro piccolo per una giusta causa.

Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato compreso il Consigliere Comunale di Sorrento Luigi Di Prisco per aver organizzato tutto in modo impeccabile, che si dichiara soddisfatto per i risultati raggiunti, preannunciando altri appuntamenti di pulizia fondali nel mese di Maggio che verranno effettuati non solo a Marina Grande ma anche il fondale antistante l’Oasi naturalistica – archeologica della Regina Giovanna.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...